8 marzo 2016: storie di donne per le vie di Lecce
8 marzo 2016: storie di donne per le vie di Lecce

Nel primo post abbiamo parlato di percorsi inediti o poco noti, magari in località già conosciute. Vogliamo fare un esempio in proposito per chiarire il concetto, perché le belle parole non siano solo chiacchiere. Proprio oggi è stato proposto uno dei nostri walking tour, Lecce al femminile (lo trovate nella pagina LECCE, tra le ampie opzioni di itinerario disponibili). È l’8 marzo, Festa della donna, ed è stato un modo alternativo di celebrare questa giornata, che aldilà dell’aspetto consumistico che si intessuto intorno, nasce per non dimenticare, per non lasciare che l’operato di tante donne, le loro lotte e i loro sacrifici cadano nel dimenticatoio, come purtroppo accade troppo spesso.

Da qui questo itinerario che intende recuperare la memoria storica in rosa di Lecce, grazie a una passeggiata nel centro storico della città filtrato attraverso una prospettiva inusuale, quella di personaggi femminili e luoghi ad esse legati, perché la storia di un luogo non è fatta solo dagli uomini. Non è un caso se questo walking tour è stato proposto proprio in questa data.

L’idea di Lecce al femminile nasce nel 2014, dallo studio di due guide turistiche – Dora e Sara Foti Sciavaliere – per l’Associazione Ripensandoci e la rassegna culturale leccese Itinerario rosa. Percorsi al femminile; è stato poi riproposto lo scorso anno per la Giornata Internazionale della Guida Turistica e replicato ancora oggi per Ripensandoci all’interno della programmazione di Itinerario rosa. Adottato tra gli itinerari di Sybar sarà riproposto nel corso dell’anno, ma potrà essere attivato anche su richiesta.

Il walking tour prende il via a Porta Rudiae, dove si trovala traccia della prima della nota della storia di Lecce, la regina dei Messapi Euippa, da qui si procede nel centro storico, tra palazzi gentilizi e conventi, vicoli e poche altri segni visibili che rimandano all’operato delle donne in città. Si tratta spesso di donne poco comuni, che sono emerse dall’anonimato in cui la società patriarcale tendeva a relegarle, donne che sono andate contro lo spirito del loro tempo e che hanno precorso i tempi. Dal conservatorio delle nobildonne malmaritate e Isabella Castriota Scanderberg alla contessa Maria D’Enghien, alle prime insegnanti salentine fino alle operaie della Regia Manifattura Tabacchi. Un percorso che si conclude presso il Monastero delle Benedettine.

Per conoscere maggiori dettagli sul walking tour Lecce al Femminile, vai alla pagina, cliccando qui.

A Lecce, l'8 marzo, "Storie di donne per le vie di Lecce", walking tour per il centro storico alla scoperta della città …

Pubblicato da Morfè – Formazione&Informazione su Martedì 15 marzo 2016

Posted by Sara Foti Sciavaliere 0 Comments , , , ,

0 comments

No comments yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *