Lecce da Porta San Biagio

lecce_porta_rudiae

DESCRIZIONE

Incontro con la guida presso Porta S. Biagio, oltrepassando la quale ci si addentra nel centro storico per via dei Perroni. Percorrendola si notano su entrambi i lati alcuni dei palazzi appartenuti alle famiglie della Lecce dabbene, fino a giungere all’inaspettato incontro (a destra) con la Chiesa di S.Matteo, definita il “Pantheon del Barocco leccese”,  la cui architettura ricorda la romana chiesa di S.Carlo alle Quattro Fontane del Borromini.

Proseguendo poi per via Federico d’Aragona la stradina si allarga in Piazzetta Vittorio Emanuele e, sulla sinistra, si può ammirare un gioiello tra le chiese di Lecce,  S. Chiara. Se si svolta in via Ammirati, fiancheggiando l’ex convento delle Clarisse (oggi sede del Must) e appena superata piazzetta Fanfulla, a sinistra,  c’è l’ingresso del Museo del Teatro Romano. Il complesso di epoca augustea, venuto alla luce ne 1928 in modo fortuito in seguito alla demolizione di un palazzo che sorgeva al suo posto, non è altrimenti accessibile.

Ritorneremo sui nostri passi e di nuovo in piazzetta Vittorio Emanuele raggiungeremo la vicinissima Piazza S. Oronzo,  passando accanto ai resti dell’Anfiteatro Romano e davanti alla Chiesa di S. Maria delle Grazie,  fino ai piedi della Colonna di S. Oronzo e poco più in là il Sedile e la Cappella di S. Marco.

Basta percorrere una stradina alle spalle della colonna del santo patrono (via Roberto Visconti) per trovarsi di fronte al Castello Carlo V. Un giro attorno alla cortina (e nei saloni, se richiesto) e ci si incammina per viale XXV Luglio, dove ci si può addentrare nella Villa comunale (a destra) per una pausa all’ombra degli alberi o una passeggiata tra i busti dei personaggi illustri che hanno segnato la storia di Lecce. Oppure si può svoltare subito a sinistra, in via G. Matteotti incrociando via Templari, dove,  proseguendo a destra, la strada si allargherà in via Umberto I, dando risalto alla Basilica di S.Croce,  la più famosa celebrazione del Barocco leccese, e l’attiguo Palazzo dei Celestini (oggi sede della Prefettura) per concludere l’itinerario poco più avanti (a sinistra), ammirando il rinascimentale Palazzo Adorno (oggi sede della Provincia).

 

*Evento riservato ai soci. Non sei ancora socio Morfè? CLICCA QUI per info

FOCUS

Da Porta San Biagio alla Basilica di Santa Croce, una passeggiata a contatto con la storia di Lecce dalla Lupiae romana ai monumenti emblema del Barocco leccese.

DURATA

2 (due) / 3 (tre) ore

PARTENZA

Porta Rudiae

ARRIVO

Corte Conte Accardo

SU RICHIESTA

Interni del Castello Carlo V (ingresso a pagamento)
 Sotterranei del Castello Carlo V (ingresso a pagamento)

PUNTI RISTORO

– – –

CONSIGLI

– – –

ITINERARIO